Pere antiche

di

  • Condividi

 Spesso si afferma che è necessario riscoprire i frutti o le varietà antiche. In realtà parlare di “pere antiche” non ha molto senso poiché le varietà attualmente più diffuse e coltivate risalgono  all’ottocento. Forse questo è dovuto al fatto che produttori e consumatori di pere sono molto conservatori o, probabilmente, alla caratterizzazione molto spiccata delle varietà che rende difficile l’introduzione e affermazione di nuove. Mentre nel melo esistono dei gruppi varietali (le ‘Red Delicous’ a frutto rosso, il gruppo “Golden” a frutto giallo…),  le singole varietà di pere hanno caratteri molto differenti. Solo per citare le principali: ‘Abate Fetel’ ha frutto di una forma allungata unica; ‘Kaiser’ si distingue per la buccia rugginosa color bronzo; ‘William’ si ricorda per l’aroma del frutto e la tipica forma a ”pera”.

Come per altre specie da frutto sono comunque numerose le varietà di pere conosciute solo a livello locale, regionale o di piccoli comprensori, che hanno caratteristiche interessanti, a volte particolari, e meritano di essere conosciute e salvaguardate.

Varietà più conosciute

Varietà

epoca e paese d’origine

Ripartizione varietale sulla produzione italiana

Epoca di maturazione

(riferita all’Emilia R.)

‘Abate Fetel’ Francia 1866

35,1%

5 settembre

‘William’ Inghilterra 1796

21,2%

10 agosto

‘Conference’ Inghilterra 1885

13,8%

20 agosto

‘Kaiser’ Francia 1807

6,4%

15 settembre

‘Decana del Comizio’ Francia 1840

4,9%

30 agosto

Nota: l’Italia ha una produzione media di pere di 750.000 tonnellate annue. E’ il principale produttore europeo e il secondo a livello mondiale.

Il paese delle pere

Forse non tutti sanno che l’Italia è uno dei principali produttori mondiali di pere. La coltivazione è concentrata in Pianura Padana, nel triangolo Bologna, Ferrara e Modena.

Non deve stupirci quindi scoprire che nel nostro paese esistono circa 300 diverse varietà di pere.

Il pero, se innestato su franco (Pyrus communis derivante da seme), si può considerare una specie molto rustica, che non necessita di particolari attenzioni. Dotato di un apparato radicale vasto e profondo è in grado di esplorare un’ampia area di terreno e spesso non richiede particolari concimazioni né irrigazioni. I peri innestati su franco sono piante generalmente molto vigorose, possono raggiungere dimensioni considerevoli, oltre i 7-8 metri d’altezza, e hanno necessità di spazi adeguati. Resistono senza problemi a temperature invernali rigide come pure a estati calde, e ai terreni meno fertili e calcarei. Si adatta quindi sia agli ambienti meridionali che a quelli continentali, fino a circa 1000 metri di altitudine.

Diversamente se come portinnesto si utilizzano selezioni di cotogno (Cydonia oblonga) si ottengono piante meno sviluppate, molto produttive, ma sono necessarie cure più attente con concimazioni e irrigazioni periodiche, soprattutto in terreni calcarei. Un articolo specifico sulla coltivazione del pero è stato pubblicato sul numero di febbraio 2005 di Giardini.

Le pere della nonna

Ecco quindi una piccola rassegna delle varietà “minori”, giusto alcune tra tante, che abbiamo scelto per caratteristiche particolari. Si tratta di due gruppi di varietà a maturazione precoce e tardiva. Le varietà a maturazione estiva sono adatte per la coltivazione amatoriale poiché spesso non è indispensabile trattare con insetticidi poiché, data la precocità di maturazione, i frutti sfuggono agli attacchi della carpocapsa (il “verme” di mele e pere). Queste pere si conservano per pochi giorni ma presentano una maturazione molto scalare che ci assicura per diverse settimane un costante rifornimento di frutti succosi e aromatici. Le altre varietà sono a maturazione tardiva e si prestano per la cottura, dolci, confetture ed altre preparazioni casalinghe. Diversamente dalle precoci si possono conservare anche per alcuni mesi in un qualsiasi locale non riscaldato.

Difficilmente troveremo piante di queste varietà nel garden center vicino a casa ma, se desideriamo avere in giardino qualcuna delle pere della nonna potremo rivolgerci ai vivai specializzati in piante da frutto e frutti minori.

Vivai specializzati in piante da frutto

BASSI

Via M. Tonello, 17 – CUNEO Tel. 0171.402149

BELFIORE

Via di Valle, Loc. S. Ilario Lastra a Signa (Firenze) Tel. 055.8724166

DALMONTE

Via Casse, 1 – BRISIGHELLA (RA) Tel. 0546.81037

FLORA 2000

Via Prov. Zenzalino Sud, 19/A – BUDRIO (BO) Tel. 051.800406

MAIOLI PIANTE

via Castello 5 Salvaterra (RE) Tel 0522 840773

OMEZZOLLI 

Via Brione, 9 – Riva Del Garda (TN) Tel. 0464.551642

Logos Publishing Srl - P.IVA e C.F. 02313240364 - REA Modena No. 281025 - C.S. 42.200 Euro
strada Curtatona n.5/2, 41126 Modena (MO), Italia