NEL SEGNO DEL GIGLIO nel Parco della Reggia di Colorno (PR) 20 – 22 aprile 2018

di

  • Condividi
NEL SEGNO DEL GIGLIO

“Nel segno del Giglio”, edizione n. 25 indaga il tema della “Biodiversità”

“Nel segno del Giglio” edizione n. 25, straripa di proposte e occasioni. In un contesto unico qual’é il magnifico Parco della Reggia di Colorno, nel parmense, questa tre giorni (20, 21 e 22 aprile) diventerà la meta di migliaia e migliaia di pollici verdi provenienti da luoghi anche lontani. Richiamati dalla bellezza ed unicità del “contenitore” ma anche e soprattutto dalla ricchezza ed originalità delle proposte.
“Vogliamo che l’edizione del quarto di secolo – annunciano Elisa Migone e Isabella Gemignani – patronesse della grande mostra-mercato – esprima al meglio le nostre caratteristiche. Vogliamo una mostra-mercato in cui tutti si sentano protagonisti, a contatto con espositori non comuni, particolari, selezionati. E dove le famiglie stiano bene, insieme. Un grande occasione di confronto e acquisti per i pollici verdi anche più esigenti, insomma, e un piacevole momento di relazioni e, perché no, di festa”
Elisa e Isabella annunciano che l’edizione del venticinquennale avrà un focus importante sul tema della biodiversità.
Sono anni che “Nel segno del Giglio” invita i suoi visitatori (ed espositori) ad un approccio con il tema del biologico, da un lato, e con quello del recupero di varietà autoctone, dall’altro. Si tratti di piante da frutto antiche, di varietà da fiore, arbustive o erbacee, sopravvissute in vecchi giardini o in prati e ambienti ancora non “devitalizzati” dall’intervento dell’uomo.
Sul territorio parmense un grande lavoro per la salvaguarda delle varietà antiche, oggi cancellate dalla massificazione, è stato affrontato dagli “Agricoltori custodi della biodiversità”, con il supporto dell’Assessorato all’Agricoltura della Provincia di Parma. Sono decine e decine le antiche varietà di piante da frutta che gli “Agricoltori custodi” hanno individuato e salvato nel territorio e che oggi sono in grado di proporre a chi ama andare oltre il banale.
Non meno rilevante l’esperienza in corso sulla Riserva naturale regionale di Torrile e Trecasali, singolare ambiente umido restituito alla natura.
A questi due importanti emblemi, presenti a “Nel segno del Giglio” con i loro stand e le loro proposte, Colorno affianca una importante selezione di espositori che hanno fatto della ricerca sulla biodiversità la loro missione. Tra i diversi, citiamo l’azienda agricola Agostino Barbieri con sede a Poviglio; la “Mieloteca d’autore Vittuone”; l’azienda agricola “L’eredita’ dal passato”, “L’Associazione della Prugna di Lentigione”; “L’oasi” di ilaria Mussi; “L’orto sotto casa” di Mattia Stefanoni , Roveleto di Cadeo , “Ort Antigh” di Paolo Barilla’ Colorno; “Grinativa – L’agricoltura alternativa”, Castelfidardo..
Piante ma anche animali: ecco che gli Agricoltori custodi” propongono il Tacchino di Parma e le pecore cornigliesi; di coniglietti da compagnia e galline si occupa Silvio Chiesa, mentre Piccola Sara propone furetti, cavie, chiocciole africane e Massimo Ferretti, le caprette dell’Appennino emiliano.

Nelle giornate de “Nel segno del Giglio”, anticipano ancora Elisa Migone e Isabella Gemignani, verranno dibattuti diversi temi riconducibili al filone guida della “Biodiversità”. Si va dall’approfondimento sul come creare e gestire un orto biologico, al tema dell’orto come giardino e del giardino come orto, ai “nuovi giardini naturali”, con erbe spontanee e bassa manutenzione, belli in ogni stagione, al tema affascinante dei fiori eduli, partendo da una importante ricerca condotta dall’Università di Torino.
Sempre in tema di salvaguarda della biodiversità e delle specie rare, ecco la mostra dedicata alle orchidee spontanee del parmense. Le ha cercate e fotografate Franco Izzo, uomo che unisce all’arte della fotografia, la passione per il giardino e la natura. Izzo ha anche saputo fissare le immagini della popolazione di farfalle che volano negli ambienti di crescita delle orchidee.
“Con la mostra, le proposte, gli approfondimenti, ribadiscono Elisa ed Isabella, vogliamo stimolare l’attenzione e l’intereresse per le unicità e la ricchezza che ogni territorio sa ancora esprimere ed offrire. A chi voglia realmente conoscerlo”.

Info: http://www.nelsegnodelgiglio.it

Logos Publishing Srl - P.IVA e C.F. 02313240364 - REA Modena No. 281025 - C.S. 42.200 Euro
strada Curtatona n.5/2, 41126 Modena (MO), Italia