Autore: Giancarlo Pozzi

Orchidee: cure di dicembre

di

 

Uno dei problemi più frequenti in questo periodo è la caduta dei boccioli, su piante di Cymbidium e Phalaenopsis: se sulla stessa pianta ci sono fiori e boccioli, i fiori non hanno problemi mentre i boccioli diventano spugnosi, avvizziscono e infine cadono, questo problema è dovuto a temperature notturne non corrette, nel caso delle Phalaenopsis è

L’orchidea: Bulbophyllum ‘Elizabeth Ann Buckelburry’

di

L’orchidea particolare che segnalo questo mese è Bulbophyllum ‘Elizabeth Ann Buckelburry’, un ibrido interspecifico tra Bulbophyllum longissimum e B. rothschildianum. Ha una fioritura inusuale e appariscente, con fiori che emanano un odore sgradevole, ma la loro bellezza è tale da far dimenticare questo difetto…

(Disegni di Daniela Baldoni)

L’orchidea: Laelia purpurata

di

Laelia purpurata, è pianta di media grandezza che in maggio produce grandi fiori, anche più di 20 cm, intensamente profumati. Ne esistono più di 1000 varietà registrate che differiscono soprattutto per il colore del labello. In Brasile i collezionisti di Laelia purpurata si chiamano”purpuratao”.

(Disegno di Daniela Baldoni)

Orchidee: concimazioni di aprile

di

Questo è il momento del massimo sviluppo della nuova vegetazione, le piante consumano molta energia e devono essere sostenute con concimi ad alto titolo di azoto, tipo 30-10-10, alternato a nitrato di calcio.

Buona regola è concimare ogni 3 annaffiature, in pratica la quarta volta prima si annaffia con sola acqua e immediatamente dopo si bagna di nuovo con

L’orchidea: Coelogyne cristata

di

Un “must” che fiorisce a fine inverno e che non può mancare in  una collezione che si rispetti 
 
Coelogyne cristata  è sicuramente una delle orchidee più apprezzate dagli orchidofili di tutto il mondo per i suoi grandi e candidi fiori delicatamente profumati che sbocciano tra febbraio e marzo.

Orchidee: cure in estate

di

D’estate con il gran caldo e le giornate lunghe le piante asciugano rapidamente, controlliamo frequentemente soprattutto quelle in vasi troppo piccoli. La gran parte delle orchidee in casa muore per troppa acqua, ma attenzione, in estate rischiano di morire per carenza idrica…

Orchidee: cure di maggio

di

Orchidee all’aperto

L’orchidea: x Schombocattleya ‘Bordighera’

di

x Schombocattleya ‘Bordighera’ è l’orchidea particolare del mese di maggio, un magnifico ibrido registrato da P. Maggi nel 1967. Si tratta dell’incrocio tra la Schomburgkia tibicinis e la Cattleya intermedia, produce grandi fiori molto profumati proprio in maggio.

(Disegno di Daniela Baldoni)

L’orchidea: Vanda cristata

di

L’orchidea di aprile è la Vanda cristata, conosciuta anche con il nome di Trudelia cristata. Piccola pianta originaria del Nepal in questo periodo produce 5-7 fiori cerosi e profumati grandi 5 cm e di lunga durata.
(Disegno di Daniela Baldoni)

Orchidee: rinvasi

di

Le giornate si allungano sempre più e anche le orchidee sentono l’arrivo della primavera producendo nuova vegetazione, il mese di aprile è il momento giusto per i rinvasi delle piante che ne avessero bisogno.
I rinvasi, infatti,  non si fanno “a calendario”, ma solo quando si rendono necessari, cioè in tre occasioni:

Logos Publishing Srl - P.IVA e C.F. 02313240364 - REA Modena No. 281025 - C.S. 42.200 Euro
strada Curtatona n.5/2, 41126 Modena (MO), Italia